27/09/2016 4.00

Volandri seconda giovinezza, Mager vince il derby con Quinzi

Se l’è vista brutta Robin Haase, testa di serie numero 1 del tabellone nel primo turno del BFD Challenger, torneo da 50mila dollari di montepremi in svolgimento al Due Ponti Sporting Club, contro il canadese Steven Diez, numero 163 del mondo: sotto di un set e di un break l’olandese ha trovato la forza, soprattutto l’energia psicologica, di ribaltare la situazione andando poi a vincere il match. C’è da dire che senza dubbio Haase, che è numero 65 del mondo con un best ranking piazzato al numero 33 ATP, è un tennista dotato di maggiori doti atletiche e di maggiori armi tecniche rispetto al suo avversario canadese, anche se per un set e mezzo questa differenza non si è vista.

Nel derby italico tra Mager e Quinzi ha trionfato il primo, proveniente dalle qualificazioni che in due set giocati con molta tenacia e concentrazione ha avuto la meglio sull’amico-avversario. Mager come al solito quando serve bene è davvero già pronto per palcoscenici ancora più prestigiosi, ma bisogna dire che Quinzi oggi non è apparso il lottatore visto invece nelle ultime uscite. Nel primo set Mager non ha lasciato nemmeno una palla break, mentre nel secondo set Gianluigi Quinzi è andato avanti 5-2 ma poi ha subito il ritorno del sanremese, di stanza adesso a Tirrenia, che ha inanellato 5 game di fila portandosi a casa il match e regalandosi un secondo turno contro l’ungherese Fucsovics, seguito nell’occasione da Coach Alberto Castellani. 

Disco rosso per Lorenzo Giustino, proveniente da finale a Sibiu, sconfitto dal ceko Jan Satral che si è vendicato della sconfitta subìta dall’azzurro la settimana passata in terra romena. Sconfitto in due set anche Stefano Napolitano, autore di una prestazione gagliarda ma un filo sottotono rispetto alle ultime apparizioni, anche condizionato da una fastidiosa pubalgia, contro il cileno Cristian Garin, appena approdato alla corte di Rafa Nadal, nella sua Accademia di Maiorca. Filo Volandri invece non smette di stupire e a 35 anni fa fuori l’olandese Thiemo De Bakker   giocando davvero un tennis spettacolare e di grandissima efficacia, dimostrando che la classe non ha età, e anche ad un fisico integro si sta regalando una seconda giovinezza. 

Se manterrà questo stato di forma nei prossimi giorni nulla gli è precluso a cominciare dall’incontro di secondo turno contro lo svedese, di origini etiopi, Elias Ymer che oggi ha sconfitto il romeno Ungur. Negli altri incontri del primo turno vincono il francese Lamasine, lo spagnolo testa di serie numero 4 Gimeno-Traver, la 5 Martin e la 7 Ramirez Hidalgo.